Stanca di vivere, annuncia la sua morte. Avverrà entro l’estate

Una storia molto particolare e triste arriva dalle Fiandre, in Belgio. Una 24enne conduce una vita molto difficile, ed ha pensato di farla finita, preannunciando la sua morte. In che modo? Con l’eutanasia, anche se fisicamente non sta male.

La ragazza, tuttavia, è dal punto di vista psicologico a non star bene, perché vive quotidianamente uno stato di disagio. Si taglia le vene e si scaglia volontariamente contro i muri, al fine ultimo di farsi del male. Una situazione molto complicata, che le deriva dai rapporti turbolenti con la famiglia.

Dopo il divorzio dei suoi genitori ha iniziato a pensare costantemente a suicidarsi. Il padre, ha dei problemi con l’alcol e talvolta si comporta in un modo sbagliato anche nei confronti di lei.

La ragazza, in virtù di quanto ha vissuto è comprensibilmente molto depressa, e ancora oggi sogna di farla finita perché per lei vivere non ha molto senso. Intervistata al De Morgen, ha espresso il suo punto di vista in merito: “Sono convinta che avrei avuto questo desiderio di morire anche se fossi cresciuta in una famiglia stabile e tranquilla”.

Le ragioni per le quali, secondo la giovane, avrebbe avuto in ogni caso il desiderio di farla finita, le spiega affermando molto semplicemente: “Non ho mai voluto vivere”. La gioia di vivere non è per tutti, evidentemente. Certe persone vivono le giornate con estremo disagio, e la ragazza belga in questione appartiene a questa schiera.

La giovane, si diceva, ha problemi di natura psicologica. Ogni azione la fa con fatica, perché la depressione porta ad eliminare di senso qualsiasi cosa.

Logorata da un forte senso di dolore, nella clinica psichiatrica nella quale è in cura, trova una “speranza”, stando a ciò che lei stessa ha affermato in sede di intervista. Ha infatti rivelato di aver incontrato un’altra ragazza che ha fatto la scelta di interrompere la vita, ed ora vuole seguire l’esempio.

Sin dal 2002, in Belgio è considerato legale morire attraverso l’eutanasia. Per poterlo fare, occorre però che il paziente abbia determinati problemi di salute, volti a giustificare una scelta così delicata, che in ogni caso deve ricevere anche l’autorizzazione da parte dei medici.

Ma la ragazza sta fisicamente bene, quindi come potrebbe essere giudicato accettabile il desiderio di morire? Per tre medici, la scelta è ammissibile per via del fatto che la giovane soffre molto, in una maniera davvero insopportabile.

Proprio in virtù di ciò, la sua morte è già stata programmata entro la fine dell’estate.




Lascia un commento