Fa bene alla pelle e all’organismo, si chiama “kamut”

kamut[1]

Si chiama kamut, ed è un cereale ricco di proprietà utili all’organismo. Viene adoperato nell’alimentazione per preparare farine, grissini, pane ed è indicato in moltissime ricette. Perché ne parliamo? Per le sue straordinarie capacità, che lo rendono un aiuto prezioso per l’organismo. Si tratta di un prodotto che ha delle regole di produzione molto rigide, che ne garantiscono una qualità certificata.

Rispetto alla farina 00, quella cioè più comunemente adoperata, il kamut si presenta molto più leggero nonché digeribile. Non è indicato per le persone celiace (contiene glutine), ma presenta comunque molte proprietà utili alla cura del corpo delle persone.

Ad esempio, può aiutare nel corso di una dieta dimagrante, giacché il fatto di essere ricco di fibre rappresenta una caratteristica utile a far diminuire il senso di fame, evitando di ricorrere al cibo in modo troppo facile (specialmente per coloro che soffrono di fame nervosa).

Essendo ricco di sali minerali (selenio, calcio, zinco, magnesio) si rende in grado di combattere gli effetti prodotti dai radicali liberi e dall’invecchiamento delle cellule. Per tale motivo, la pelle può trarne giovamento, se consumato con regolarità.

Per via del fatto che si tratta di un cereale di tipo integrale, aiuta a ridurre i livelli di colesterolo LDL (ovvero quello cattivo) nonché di glicemia.

Inoltre, il kamut si presenta particolarmente ricco di carboidrati complessi, il che costituisce senza dubbio un bene per chi ne usufruisce ed ha bisogno di tanta energia. In particolare, il kamut fa durare le energie più a lungo nel corso della giornata, quindi risulta molto indicato nel regime alimentari dei bambini, ma è ottimo anche per gli adulti, specialmente quando si sentono stanchi e con poche forze, cioè debilitati.

Il fatto di contenere molto magnesio, rende il kamut adatto per quei particolari giorni in cui si ritrovano tutte le donne, giacché si rivela in grado di placare ansia, insonnia e irritabilità. Mangiato nel corso del ciclo, sarà davvero utile allo scopo appena descritto.

Trattasi pertanto di un alimento davvero prezioso, che deriva dal grano khorasan. “Kamut” è un marchio registrato, che garantisce determinati standard qualitativi.

La differenza tra il kamut ed il resto del grano khorasan, è che mentre il secondo può essere piantato da chiunque e dovunque in qualsiasi modo, il primo viene coltivato con delle garanzie molto significative: è certamente biologico, è privo di ibridazioni (pertanto si mantiene “puro”), e si trova esclusivamente in grandi pianure semi aride, in Canada (Saskatchewan e Alberta) e Stati Uniti (Montana).




Lascia un commento